La Repubblica italiana è nata a Roma il 10 giugno 1946 alle 18 circa (18:10), cioè nel momento in cui è stato annunciato ufficialmente l’esito del referendum a favore della Repubblica. I giorni 2 e 3 giugno 1946 sono invece i giorni del referendum.

 

 

 

Il grafico in basso rappresenta il Tema Natale del nostro Paese.

L’Italia è dunque Gemelli con Ascendente Scorpione. Un Tema natale assai stimolante dal punto di vista astrologico, molto scorpionico: oltre all’ascendente anche la Luna è infatti in Scorpione, e Saturno, Mercurio e Venere sono anch’essi in ottava Casa (quindi con valori Scorpione). Sole e Urano sono in settima Casa ma in cuspide con l’ottava.

Colpisce innanzitutto, nel tema dell’Italia della Prima Repubblica, l’assenza di pianeti nella parte inferiore dello Zodiaco, in quarta Casa, al Fondo Cielo, il settore oroscopico associato al concetto di Patria, polis, Stato. Affollato invece il settore dell’estero (la nona Casa), con i pianeti Plutone e Marte, come se l’esterofilia prevalesse sul sentimento nazionale.

Il Sole è in Gemelli: l’energia zodiacale dell’Italia è dunque nella direzione della comunicazione, loquacità, interesse per il commercio, secondo la simbologia mercuriale legata al segno. I valori Gemelli possono indicare adattabilità e flessibilità nell’affrontare le situazioni ma anche, al negativo, una certa inaffidabilità e incostanza (come talvolta viene rimproverato al nostro Paese dagli osservatori stranieri). Il Sole è anche in armonia con Venere e Giove: l’Italia attira generalmente le altrui simpatie, anche se pecca un po’ di autoindulgenza e tendenza alle spese eccessive (come sottolineano queste due posizioni astrali).

A livello di elementi predominano i valori Aria e Acqua. I due pianeti Giove e Nettuno (pianeta dei sogni e del mare, oltre che legato simbolicamente anche alla spiritualità) sono nell’undicesima Casa delle amicizie. Nettuno in buon aspetto con la Luna rafforza la propensione per la musicalità, arte e poesia. Che siamo una nazione di ‘santi, navigatori e poeti’ appare dunque confermato anche dagli Astri. Un Paese un po’ svolazzante e ‘fluido’, in linea con quella ‘liquidità’ che per i sociologi è il segno dei tempi.

La Repubblica italiana è una nazione nel segno dell’arte, indubbiamente, con il Sole di nascita in buon aspetto con Venere (pianeta del bello per eccellenza), e una Venere in armonia con l’Ascendente: l’Italia è tutto sommato un Paese che ‘piace’, che ha un suo appeal. Poco presente l’elemento Terra, il che segnala una certa mancanza di quella concretezza operativa (l’intelligenza di Mercurio in cattivo aspetto col nebuloso Nettuno) che tanto servirebbe al Paese e che spesso avrebbe bisogno di essere un Sistema Paese con più ‘sistema’. Nettuno in cattivo aspetto all’Ascendente aiuta infatti la poesia e la fantasia ma porta a un distacco dal mondo ‘reale’.

Fortissima presenza di elementi ‘plutoniani’: Plutone è il dio degli Inferi, del Profondo, del Potere (e dei poteri nascosti). Il suo regno è proprio quell’ottava Casa dei misteri così in evidenza nella carta astrale della Repubblica: il Sole è in cuspide settima/ottava Casa, assieme a Mercurio. L’ascendente è Scorpione, così come la Luna, anch’essa in Scorpione e in dodicesima Casa (altro settore oroscopico impegnativo, che rimanda nella sua simbologia astrale a luoghi chiusi come carceri e ospedali, e a prove da affrontare in quegli ambiti. Dall’affollamento delle case di pena ai problemi della sanità i collegamenti vengono spontanei, ma viene in mente anche il forte tessuto di volontariato e associazionismo che anima il Paese.

Lo Scorpione, va ricordato, è governato da Plutone: quindi abbiamo tutto un intensificarsi di rimandi a situazioni misteriose: casi irrisolti, processi, economia sommersa e ‘in nero’, evasione. La Casa ottava è poi in Gemelli: il mistero diventa anche comunicazione, da qui la spettacolarizzazione mediatica di molti casi giudiziari e di cronaca nera, e i molti talk-show dedicati agli intrighi della politica.

Dove puntano le energie del Paese?

Il dinamico Marte è forte al Medio Cielo, con la sua simbologia astrale che rimanda a ferro e fuoco: polizia, esercito, auto, comparto metalmeccanico, settori cioè che sono importanti nella storia industriale e ideale della nazione. Anche lo sport è in evidenza nella carta astrale italiana, anche se più a livello di passione che nella pratica. Marte è in nona Casa: il ‘lontano’ in senso geografico ma anche di spiritualità.

Avere questo pianeta aggressivo nel settore degli ‘esteri’ invita a prestare la massima cautela alle questioni religiose e nei rapporti con gli stranieri. Un monito deve venire dalla posizione di Urano (pianeta dei colpi di scena repentini) nella settima Casa delle relazioni: rischi di rotture improvvise.

Il pianeta per eccellenza della bellezza e dell’amore, Venere, è sulla cuspide della nona Casa (il settore dell’estero): persiste nonostante tutto il fascino dell’Italia come culla dell’arte, dell’eleganza (pensiamo alla moda) e come destinazione romantica. Anche se i valori di Nona del Tema, come già accennato, possono anche riferirsi ai molti stranieri che si avvicinano alle sue sponde.

Il benefico Giove, pianeta dell’espansione, è in buona posizione (in undicesima Casa, settore degli sponsor influenti, e ben aspettato con l’Ascendente): certe tendenze spenderecce e gusto per le spese di ‘rappresentanza’ sembrerebbero dunque inscritte nel DNA astrale del Paese. Giove è anche convivialità, piacere della buona tavola. Non a caso il tema centrale dell’Expo, l’Esposizione Universale di Milano 2015 è proprio l’alimentazione e la sostenibilità: ‘Nutrire il Pianeta. Energia per la vita’.

Quali sono gli assist astrali su cui può contare la nostra Repubblica?

Giove in buon aspetto all’Ascendente è sicuramente un bel jolly stellare che le dona ottimismo. Giove è anche ben messo con Urano, un aspetto eccellente che regala un certo quid genialoide nell’affrontare e risolvere le situazioni.

Un Tema Natale con luci e ombre, dunque, quello del nostro Paese, con alcuni punti di debolezza segnalati anche da una lettura stellare, ma anche con molte frecce al suo arco. Il Sole è infatti sostenuto dall’energico Marte nel maestoso Leone, in congiunzione con l’eclettico Urano (pianeta dei cambiamenti repentini). Fa quindi pensare che anche nei momenti più bui, l’Italia e i suoi abitanti possano darsi una scossa improvvisa, con qualche intuizione audace e un tocco di orgoglio nazionale. I valori scorpionici-plutoniani, inoltre, se ben usati, possono diventare una risorsa: indicano possibilità di rigenerazione, di trasformazione, di risollevamento dalle ceneri come l’Araba Fenice.

 

L’Italia e i suoi presidenti

Quanto sono compatibili, da un punto di vista astrale, l’Italia e il suo nuovo Presidente Sergio Mattarella?

L’Italia, come abbiamo visto, ha forti valori Aria, avendo il Sole in Gemelli. Ha anche una significativa componente Acqua, data dai suoi numerosi pianeti in Scorpione. Il Presidente Mattarella (nato a Palermo il 23/7/1941) è Leone ascendente Bilancia, quindi Fuoco e Aria, resi più equilibrati e concreti dalla presenza di Terra nel Tema, con la sua quarta Casa (la Patria) nel segno del Capricorno:

A livello di affinità astrale-numerica, su una scala 1-35, il punteggio è 16. Positivo ma non di ‘amore’ totale.

Non sempre sarà un rapporto idilliaco: talvolta il Paese (inclusi alcuni suoi rappresentanti) cercherà di ‘svolazzare’ in modo un po’ dispersivo o emotivo. Non mancheranno, con garbata autorevolezza (nello stile di un Leone bilanciato), i moniti presidenziali affinchè il Paese ritrovi non solo le proprie radici ma anche le sue ambizioni di crescita, ritornando a primeggiare su scala internazionale. Un auspicio in linea con le simbologie degli elementi predominanti nella mappa astrale del Presidente.

Interessante il risultato per l’ultimo Inquilino illustre del Quirinale, l’ex Presidente Giorgio Napolitano, che è rimasto alla guida dell’Italia per ben nove anni. Re Giorgio è nato a Napoli il 29/6/1925, Cancro ascendente Cancro:

Nel suo Tema colpiscono i forti valori di quarta Casa: la casa, appunto, anche nel senso figurato di Patria, Nazione, le cui sorti gli sono sempre state molto a cuore. Al punto di acconsentire, nonostante l’avanzata età, a prolungare il suo mandato per il bene del Paese, che versava in un momento di forte stallo tanto da non riuscire a esprimere il nominativo di un candidato alla Presidenza.

In evidenza nella carta astrale di Napolitano anche Saturno, il pianeta che può portare onori ma che è sempre accompagnato da oneri e impegno prolungato (come si addice a Cronos). Sicuramente lo è stato nel suo caso: tanti gli apprezzamenti per ‘l’eleganza’ con cui Re Giorgio ha accompagnato il Paese in molti momenti difficili, ma sicuramente tanta fatica per lui in una ormai non più giovane età.

Ricordiamo infatti come il 22 aprile 2013, giorno in cui si svolse la cerimonia di giuramento per il secondo mandato di Napolitano come Presidente della Repubblica, c’era il passaggio di Saturno sul suo Saturno natale (in Scorpione), transito che ha rinnovato il prestigioso ma pesante impegno istituzionale che già il suo tema astrale natale evidenzia con l’aspetto di trigono tra Saturno natale ed il Sole natale in Cancro: incarico prestigioso in tarda età.

Un plauso anche dagli astri, che per l’affinità Repubblica Italiana-Giorgio Napolitano segnalano un punteggio di ben 24 punti!

Marco Celada

Write a comment